Un breve aggiornamento sulle attività dell’associazione: OSPEDALE MOBILE ITINERANTE per i Villaggi della Savana in Africa- BENIN Situazione socio-sanitaria :la popolazione è per l’80% contadina e analfabeta. Le strutture ospedaliere sono in parte Statali e al 50% delle Istituzioni ecclesiastiche e Sette Religiose. Hanno macchinari ed attrezzature mediche un po’ antiquate , mentre il personale medico è poco preparato , i corsi effettuati sono di scarso livello …… i migliori se ne vanno in Francia. Il problema principale della Sanità consiste nella sua strutturazione, modello seguito quello europeo, è stato fatto di francesi. Non è adatto alla popolazione locale. Il motivo del fallimento della sanità è dovuto allo Stato che non aiuta l’ammalato ….. per esempio, se fai un incidente , o se ti ammali e vai all’Ospedale , prima di essere visitato , paghi alla Cassa…e poi…Inoltre gli ospedali sono pochi e solo nelle grandi città. Le distanze sono molto elevate e i mezzi per accedervi sono scarsi. Il problema base è la povertà della popolazione, la mancanza dell’aiuto Statale. Le tariffe ospedaliere sono molto alte e quindi inaccessibili alla maggior parte della popolazione. Le conseguenze di tutto ciò è che l’ammalato si rivolge allo Stregone. Dopo aver visitato e analizzato la realtà sanitaria e sociale dei Paesi Francofoni dellOvest, è nata l’idea dell’Ospedale Mobile Itinerante per i Villaggi della Savana, che cura gli ammalati nei loro villaggi. E’ un Ospedale che cura all’” Italiana” la gente, ricevendo un compenso simile o di pari valore a quello che danno allo Stregone. Curare all’italiana vuol dire portare in africa i migliori chirurghi oculisti e gli specialisti come volontari.Il secondo scopo della missione, ma non secondario, è istruire e formare del personale medico specialistico locale , sia con un’istruzione teorica che pratica, tramite i medesimi medici italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.